Rinnovi, offerta biennale a Callejon e Mertens

Mentre Ancelotti aspetta il rientro dei 16 nazionali sparsi per il mondo, il club si muove per cercare di trattenere due big in scadenza di contratto

0
244

Ancelotti spettatore interessato davanti alla tv delle qualificazioni delle Nazionali, che vedono impegnati i suoi giocatori. Si parte da questa sera, quando in campo ci sarà la Macedonia, che sfiderà la Lettonia per le qualificazioni ad Euro 2020. Il tecnico azzurro ammirerà il giovane Elmas, che potrebbe scendere in campo dal primo minuto, in barba all’allarme lanciato ieri per un possibile infortunio alla caviglia. Il talentino azzurro, già ieri aveva rassicurato tutti attraverso un messaggio pubblicato sul profilo Instagram, dopo la botta alla caviglia rimediata in allenamento. Nulla di grave aveva detto, ed infatti il Ct della Macedonia è pronto a gettarlo subito nella mischia. Domani, invece, Ancelotti potrà vedere all’opera Mario Rui con il Portogallo, Maksimovic con la Serbia e Hysaj con l’Albania. Proprio il centrale serbo è pronto a firmare il rinnovo del contratto con il Napoli con un ritocco dell’ingaggio che toccherà i 2,5 milioni di euro a stagione, ed una clausola rescissoria superiore ai 50 milioni di euro attuali. Annuncio pronto anche per Zielinski, che guadagnerà circa 3 milioni di euro, con una clausola da 120 milioni, mentre Milik arriverà a percepire 3,5 milioni e anche per l’attaccante ci sarà una clausola rescissoria di ben 130 milioni di euro. Il club partenopeo ha aperto anche al rinnovo di Callejon e Mertens. Se con lo spagnolo si era già intavolato un discorso, poi bloccato dalle richieste del suo entourage, per il belga si tratta di una novità. Mertens aveva dichiarato ancora una volta la volontà di continuare il suo rapporto con il Napoli, e la società sembra si sia convinta ad accontentare l’attaccante, idolo della folla azzurra. Sia per il belga che per Callejon, offerta biennale con conferma dell’attuale stipendio. Si attende ora la replica dei due calciatori, che potrebbero accettare di buon grado l’offerta presentata da Giuntoli.