Rischio ambientale, sigilli a un’azienda a Scafati

Gravi violazioni ambientali per l'industria, molto nota, che trasforma materie plastiche. Denunciato il responsabile

0
346

Gravi violazioni ambientali per un’industria in pieno centro abitato a Scafati. L’azienda, che trasforma materie plastiche, è stata posta sotto sequestro. Denunciato il responsabile.
I sigilli di sequestro all’impianto industriale sono stati apposti dai Carabinieri del Nucleo Operativo Ecologico di Salerno. Nell’ambito delle attività di monitoraggio e controllo sul rispetto della normativa ambientale coordinate dalla Procura della Repubblica di Nocera Inferiore, i militari hanno ispezionato l’impianto, molto noto, adibito alla trasformazione di materie plastiche e produzione di buste e sacchetti in plastica, accertando gravi ed attuali violazioni in materia ambientale. A conclusione degli accessi ispettivi avviati nel mese di febbraio dai militari del Noe, con l’ausilio di personale tecnico dell’Arpa di Salerno per le indagini fonometriche nell’ambiente esterno, era emerso infatti che gli strumenti al servizio dell’impianto risultavano privi di sistemi di abbattimento o riduzione di rumori, superando i limiti consentiti, e tali da provocare l’immissione negli ambienti circostanti di rumori assordanti per il vicinato. È stata riscontrata inoltre l’assenza della prevista autorizzazione alle emissioni in atmosfera sebbene l’attività produttiva produca immissioni inquinanti, nonché della prescritta certificazione antincendio. All’esito degli accertamenti di rito, da cui è scaturita la denuncia del responsabile e su richiesta concorde della Procura della Repubblica, il Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Nocera Inferiore ha emesso un decreto di sequestro preventivo dell’intero impianto. Le indagini intraprese sono coordinate dalla Procura di Nocera Inferiore.