Rissa con il ct della Scherma Tarantino, poi le scuse

Momenti di tensione nel Villaggio delle gare, l'allenatore ha cercato di introdurre la moglie in un'area interdetta ai visitatori senza pass. Ne è nato un parapiglia, subito sedato. Incidente chiuso con un intervento di Manuela Di Centa

0
984
Rissa al Palaunisa di Baronissi. Il commissario tecnico della Nazionale italiana di Scherma, Luigi Tarantino, al momento dei controlli previsti prima dell’ingresso nel campus di Baronissi, dove si tengono le competizioni, ha tentato di introdurre sua moglie, sprovvista di pass. La vigilanza ha opposto un netto rifiuto, attenendosi alle ferree regole che regolano gli ingressi e i movimenti all’interno di tutte le location interessate dall’Universiade 2019. Al momento del diniego il coach italiano ha reagito spintonando e aggredendo gli addetti alla Security. Sono dovuti intervenire la Cosmopol e l’Esercito che al momento presidiavano l’ingresso. La stazza fisica dell’allenatore Tarantino ha reso non facile sedare la colluttazione. L’incidente, a quanto pare scaturito da un’interpretazione troppo rigida dei protocolli di sicurezza, è poi rientrato, con scuse reciproche: a nome dell’organizzazione è stata Manuela Di Centa a contattare il ct della Scherma.