Micai si riprende la porta contro la Virtus Entella

L'estremo difensore torna a disposizione e a Chiavari domani sera difenderà i pali della porta granata

0
97

Ventura finalmente può sorridere. La piena emergenza di inizio settimana, sembra con il passare dei giorni che avvicinano la Salernitana alla sfida di Chiavari, pian piano sciogliersi come neve al sole. Il tecnico granata, infatti, in vista della trasferta nella sua Liguria potrà contare nuovamente su Alessandro Micai. L’estremo difensore ha smaltito il colpo al costato, che aveva rimediato in allenamento, e che lo aveva costretto a saltare la sfida casalinga con il Pisa sabato pomeriggio. Un vero e proprio evento, se pensiamo che Micai da quando è arrivato in granata non ha mai saltato un impegno ufficiale. Stakanovista il portiere virgiliano, elemento che in questa stagione ha dimostrato di poter essere un valore aggiunto per la formazione di Ventura. Sembrano lontani i giorni in cui Micai, alla vigilia della gara d’andata dei play out con il Venezia, fu aggredito da un tifoso al termine dell’allenamento al campo Volpe. Quel sabato pomeriggio che precedeva una gara fondamentale che valeva la permanenza in serie B, il portiere all’uscita dal campo, mentre stava salendo a bordo della sua auto, fu protagonista di un diverbio con alcuni tifosi. Qualche spintone di troppo e poi un cazzotto sferrato al volto, che gli provocò un piccolo taglio e la rottura degli occhiali da sole. Tutto questo appena un anno fa. Da allora le cose sono cambiate, Micai a Venezia risultò il migliore in campo, neutralizzando il tiro dagli undici metri di Bentivoglio e trascinando la squadra con altri interventi risolutori verso il successo. Nella stagione in corso Micai ha incassato 32 reti su 28 presenze, terminando sei gare con la porta inviolata. La crescita del portiere nato a Mantova 26 anni fa, passa anche dalla consapevolezza dei propri mezzi. Con Ventura, infatti, Micai è diventato un punto fermo di questa squadra, ma soprattutto un valore aggiunto per tutto il pacchetto arretrato. Il portiere, nonostante le diverse rotazioni dei compagni della difesa, sembra essere sempre a suo agio, telecomandando i compagni dall’interno della sua porta. Il merito del recupero di Micai è tutto da attribuire al nuovo staff medico della Salernitana, che nei giorni scorsi ha lavorato in maniera perfetta, per riuscire a rimettere in sesto l’estremo difensore. Il dottor Epifanio D’Arrigo, arrivato lo scorso 22 maggio al posto di Andrea D’Alessandro e di Italo Leo, con il suo staff ha preso in cura il portiere, che già prima aveva superato brillantemente un problema alla mano. Micai, infatti, nelle settimane che precedevano il match con il Pisa, che ha segnato la ripresa del torneo cadetto, aveva accusato un colpo alla mano che lo aveva messo fuori causa. Il recupero lampo, poi bloccato da quella botta al costato subita in allenamento, un giorno prima della gara con i toscani. Adesso, però, tutto è stato superato e il portiere nato a Mantova, ma ormai salernitano di adozione, è pronto a riprendersi il suo posto in campo, per condurre la formazione granata nuovamente alla vittoria a partire dal match di domani sera con la Virtus Entella.