Salernitana, Ventura punta tutto su Djuric e Lombardi

Il bomber e l'esterno, tornano a disposizione dopo i rispettivi infortuni e contro il Pisa partiranno titolari

0
186

Si torna finalmente alla normalità. Dopo circa tre mesi, inizia oggi a tutti gli effetti, la settimana tipo che condurrà ad una gara ufficiale. Sabato pomeriggio, infatti, i granata affronteranno all’Arechi il Pisa. La prima di dieci finali, che consentiranno di terminare la regular season, bloccata a causa del Covid-19. Ventura ha provato diverse soluzioni in vista di questo match, che lo vede anche vestire i panni di ex di turno, avendo allenato in passato anche i toscani. Ci sono ancora dei ballottaggi, che il tecnico granata scioglierà ventiquattro ore prima di scendere in campo, ma ci sono anche delle certezze. Due di queste si chiamano Djuric e Lombardi. Sia il gigante bosniaco, che l’esterno cresciuto nelle giovanili della Lazio, erano destinati a non prendere parte a questo match contro i toscani. Il primo, infortunatosi al piede (microfrattura) durante la gara con il Livorno, l’altro finito ko nell’ultimo scatto utile, effettuato al termine del primo tempo della trasferta di Verona contro il Chievo. Fuori causa ad una settimana di distanza, il laziale il 17 febbraio, il bosniaco appena sei giorni dopo il 23 febbraio all’Arechi contro il Livorno, dopo aver realizzato il gol partita. Tempi di recupero biblici, con Lombardi che sarebbe potuto tornare forse solo in occasione dei play off, e Djuric che avrebbe sicuramente saltato almeno 7-8 partite delle dieci in programma fino al termine della stagione regolare. Ed invece, la sosta forzata a causa del Coronavirus, ha consentito a questi due calciatori di superare i problemi fisici, e di rimettersi a disposizione della squadra e dell’allenatore. Valutando bene tutti gli eventi, i recuperi di Djuric e Lombardi rappresentano quasi due acquisti per questo finale di stagione, per puntare forte alla conquista dei play off. Ventura lo sa benissimo, ed è per questo che si affiderà ad entrambe per cercare di scardinare la difesa del Pisa, sabato pomeriggio all’Arechi. I gol di Djuric hanno trascinato la Salernitana in piena zona play off, ben nove in questa stagione, mentre gli assist e le prestazioni di Lombardi sono stati determinanti per il cammino dei granata. Il trentenne bosniaco, dopo un inizio non proprio scoppiettante, con il passare dei mesi è diventato sempre più determinante per la Salernitana. Nove reti in 23 gare, oltre ad un assist, sono il bottino di Djuric, sbocciato in pieno inverno come quei fiori che sbucano incredibilmente dalla neve. Dicembre, gennaio e febbraio i mesi più prolifici per il bomber, che ora punta dritto alla doppia cifra e a trascinare la Salernitana alla conquista di un posto negli spareggi promozione. L’esplosione di Djuric è coincisa con il cambio definitivo di modulo, e la consacrazione di Cristiano Lombardi sulla corsia di destra. Devastante l’ex Venezia, che come detto è cresciuto sull’erba di Formello, dove presumibilmente tornerà al termine di questo campionato, per aggregarsi alla prima squadra allenata da Simone Inzaghi. Lombardi è l’arma in più di questa Salernitana, ed il suo recupero può consentire a Ventura delle varianti tattiche in corsa, che rendono i granata imprevedibili. L’esterno ha gamba, tecnica, visione di gioco, ed un gran tiro. Un calciatore completo che può ricoprire tutti i ruoli della fascia destra. Da attaccante esterno, a tornante e all’occorrenza anche terzino, Lombardi è senza dubbio il valore aggiunto di questo gruppo, che punta forte ad un obiettivo importante.