Sarno, incendio del Saretto: arrestato un sedicenne

Il giovane si trovava già in una comunità perché recentemente arrestato per detenzione e spaccio di droga. Lo hanno inchiodato le immagini di videosorveglianza: aveva volontariamente appiccato il fuoco ad alcune sterpaglie con un accendino fino a quando le fiamme non si erano sviluppate in maniera incontrollabile

0
414

C’è un arresto per l’incendio che lo scorso 20 settembre devastò la collina del Saretto a Sarno. Su disposizione del gip del Tribunale dei minori di Salerno, un sedicenne di Sarno è stato raggiunto da ordinanza di custodia cautelare. Il minorenne era già ospite di una comunità in quanto arrestato di recente per detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti.
Le indagini dei Carabinieri, partite immediatamente dopo il vasto rogo, avevano consentito di accertare che i responsabili dell’incendio erano un gruppetto di ragazzi, quasi tutti minorenni. I riscontri, le testimonianze e i filmati dei sistemi di videosorveglianza hanno consentito di ricostruire la vicenda e di individuare il responsabile.
Il minorenne arrestato aveva volontariamente e ripetutamente appiccato fuoco ad alcune sterpaglie con un accendino, reiterando la sua condotta fino a quando le fiamme  si erano sviluppate tanto da diventare incontrollabili.
Come si ricorderà, l’incendio della collina di Sarno, sviluppandosi per circa 24 ore, ha dato origine anche ad un vero e proprio disastro ambientale aggravato.
Gli esperti dei Carabinieri della Forestale hanno stimato che per ripristinare lo stato dei luoghi e per provvedere al rimboschimento delle aree colpite sarà necessario un periodo superiore a venti anni.