Soddisfazione azzurra: tre schiaffi al Liverpool

Insigne, Milik e Younes firmano la vittoria del Napoli contro i campioni d'Europal. Un successo importante anche per la prestazione degli uomini di Ancelotti, padroni del campo fin dalle prime battute della gara

0
286

NAPOLI-LIVERPOOL 3-0

Napoli: Meret, Di Lorenzo (dal 61′ Hysaj), Manolas (dal 46′ Chiriches), Maksimovic (dal 61′ Luperto), Mario Rui (dal 46′ Ghoulam), Zielinski, Callejon , Verdi (dal 61′ Gaetano), Mertens (dal 46′ Younes), Insigne, Milik (dal 74′ Tutino). Allenatore: Ancelotti

Liverpool: Mignolet, Alexander-Arnold (dal 73′ Gomez) Van Dijk (dal 79′ Van Den Berg), Matip (dal 62′ Lovren), Robertson (dal 74′ Hoever), Henderson (dal 62′ Lallana), Fabinho (dal 79′ Duncan), Wijnaldum (dal 79′ Lewis), Milner (dal 79′ Elliott), Oxlade Chamberlain (dal 62′ Wilson), Origi (dal 62′ Brewster). Allenatore: Klopp

Reti: 17′ Insigne, 28′ Milik, 52′ Younes.

Prima amichevole di lusso per il Napoli, che allo stadio Murrayfield di Edimburgo, supera per 3-0 il Liverpool campione d’Europa. Quarta sfida in un anno tra Reds e azzurri, con gli uomini di Ancelotti che si vendicano della sconfitta patita ad Anfield Road, che costò il passaggio del turno dei partenopei agli ottavi di finale di Champions. Parte molto bene il Napoli che fin dalle prime battute è padrone del campo, con una circolazione di palla fluida. Ancelotti, che deve rinunciare ad Elmas a causa dei problemi con il visto, schiera Callejon in mezzo al campo, ottima la prova dello spagnolo, a far coppia con Zielinski. In attacco, Milik è il terminale offensivo, supportato da Verdi, Mertens ed Insigne. E sono proprio questi ultimi due ad illuminare subito la scena del Murrayfield di Edimburgo. E’ il 17′ quando il belga con un passaggio geniale innesca Insigne. Controllo del capitano che si accomoda il pallone sul destro e dal limite batte con una conclusione a giro Mignolet. Undici minuti dopo gli azzurri raddoppiano. Insigne va via sulla corsia mancina e serve al centro sul primo palo Milik, che in spaccata anticipa Mignolet e regala il 2-0 al Napoli. Sul finire del primo tempo il Liverpool accorcia con Wijnaldum, ma il direttore di gara annulla per una netta posizione di fuorigioco dell’attaccante dei Reds, finito oltre la linea difensiva azzurra. Nella ripresa subito tre cambi per Ancelotti, che manda in campo Ghoulam, Chiriches e Younes al posto di Mario Rui, Manolos e Mertens. Pronti via e il Napoli dopo sette minuti cala il tris. Lancio in verticale per Insigne, ancora una volta protagonista. Azione fotocopia del gol che ha sbloccato il match, con il capitano che controlla la sfera si accentra e prova il destro a giro. Questa volta Mignolet riesce a deviare il pallone, ma sulla corta respinta il più lesto e Younes, che da due passi tocca infilando la sfera in rete. Neanche il tempo di riprendersi che il Liverpool rischia di beccare la quarta rete. Geniale Insigne che vede Milik e lo serve in profondità. Il polacco a tu per tu con Mignolet prova il pallonetto, con il portiere dei Reds che compie un vero miracolo chiudendo la porta. I campioni d’Europa sono in difficoltà e lo si capisce quando Meret fa il suo primo intervento solo all’80’ e su una deviazione fortuita di Hysaj. Provvidenziale l’intervento dell’estremo difensore azzurro, che con un guizzo felino devia il pallone in corner, evitando l’autorete dell’albanese. Allo scadere del match, Gomez appoggia a Wilson. Il numero 69 rientra sul mancino e spara una fucilata sul palo lontano. Meret si allunga e devia il pallone in angolo chiudendo la porta da vero campione. Dagli sviluppi del corner ancora una conclusione in mischia, con l’estremo difensore azzurro che blocca a terra. Su questa azione finisce la sfida tra Napoli e Liverpool con i partenopei di Ancelotti che portano a casa un successo importante, non solo per il risultato rotondo, ma per la prestazione messa in campo al cospetto dei campioni d’Europa.