Sparò in pescheria, fermato diciottenne

Il giovane la sera della vigilia di Capodanno seminò il panico a Torre Annunziata

0
146

La Polizia di Stato di Torre Annunziata ha dato esecuzione al fermo di un diciottenne di Torre Annunziata – C.m. le sue iniziali – ritenuto responsabile della sparatoria in una pescheria la sera della vigilia di Capodanno. Lo scorso 30 dicembre, via Roma a Torre Annunziata era stata teatro di un grave episodio criminale, nato da futili motivi e culminato nell’esplosione di colpi di arma da fuoco all’indirizzo della pescheria, ”O vangelis” da parte di un giovane a bordo di un motociclo. Nel corso della sparatoria furono ferite due persone – un finanziere, fratello gemello di un dipendente della pescheria e suo nipote – che ancora oggi in prognosi riservata.
Il diciottenne fermato dalla Polizia è accusato di tentato omicidio, lesione aggravate e porto illegale di arma da fuoco.
Le indagini, immediatamente avviate dagli agenti del Commissariato di Torre Annunziata, coordinate dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale Oplontino, hanno consentito di ricostruire l’accaduto e di risalire al presunto responsabile dell’azione delittuosa.