Traffico di droga nel Salernitano, 14 arresti

Le ordinanze sono state eseguite fin dalle prime luci dell'alba tra Nocera Inferiore, Pagani, Castel San Giorgio, Mercato San Severino, Nocera Superiore e Nola. Le indagini hanno consentito di accertare che spesso la cessione di sostanze stupefacenti avveniva anche in presenza di minori. Tra le piazze il campus di Fisciano

0
511

Una fitta rete associativa dedita allo spaccio di sostanze stupefacenti nella zona a nord di Salerno è stata smantellata dai Carabinieri. Sono quattordici le ordinanza di custodia cautelare eseguite questa mattina nei confronti di persone indagate, ritenute responsabili a vario titolo di associazione finalizzata al traffico illecito di droga, detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti.
Le indagini hanno permesso di accertare che le cessioni di droga spesso venivano effettuate in presenza di un bambino, figlio di un indagato.
Le ordinanze sono state eseguite fin dalle prime luci dell’alba tra Nocera Inferiore, Pagani, Castel San Giorgio, Mercato San Severino, Nocera Superiore e Nola.
I carabinieri del comando provinciale di Salerno con il supporto del nucleo cinofili di Sarno hanno dato esecuzione alle ordinanze della locale Direzione Distrettuale Antimafia. Sono stati anche eseguiti quattro decreti di perquisizione locale nei confronti di altrettante persone coinvolte a vario titolo per gli stessi reati.

Gli indagati. La complessa indagine condotta dal nucleo investigativo è stata avviata nel novembre 2016 approfondendo una precedente attività della compagnia di Mercato San Severino. Gli indagati sono divisi in due gruppi criminali, uno operante tra Nocera Superiore, Pagani e comuni limitrofi e l’altro a Castel San Giorgio con frequenti rifornimenti di ingenti quantitativi di sostanze stupefacenti direttamente a Scampia, Castel Volturno e a Pagani, da un soggetto pregiudicato vicino agli ambienti del clan camorristico Fezza D’Auria Petrosino. Nel corso dell’indagine, una persona è stata arrestata in flagranza di reato, diversi assuntore di droga sono stati segnalati alla Prefettura e sono stati sequestrati 100 grammi di cocaina. Le indagini hanno consentito di accertare che in alcuni casi minorenni erano utilizzati a protezione dell’attività di spaccio.

Le piazze di spaccio. Una delle piazze principali per l’attività di spaccio era il campus universitario di Fisciano. Anche se, come precisato dal comandante provinciale dei Carabinieri, Gianluca Trombetta, “l’area geografica di interesse è davvero molto ampia”.
Dalle indagini è emerso anche che nell’Agro nocerino sarnese e in alcune zone della Valle dell’Irno c’era un vero e proprio supermarket della droga. Lo smercio di cocaina, eroina e, soprattutto, crack avveniva nei comuni di Castel San Giorgio, Pagani, Nocera Inferiore, Nocera Superiore.