Tragedia a Cetara, sub morto incastrato nella scogliera

Il pescatore subacqueo sarebbe rimasto incastrato ieri pomeriggio nella barriera frangiflutti del porto. Difficoltose le operazioni di recupero del cadavere, portato all'obitorio dell'ospedale di Salerno solo nella serata di ieri.

0
426

Morto perché rimasto incastrato nella barriera frangiflutti del porto di Cetara. È l’amara sorte toccata a un pescatore subacqueo – un sessantenne originario della zona orientale di Salerno – nel pomeriggio di ieri nel piccolo centro del Salernitano.
Il corpo dell’uomo, che si sarebbe incastrato nel pomeriggio durante un’immersione, è stato recuperato solo ieri sera dopo diverse ore di lavoro dei militari della Capitaneria di Porto.
Il cadavere è stato trasportato all’obitorio dell’ospedale San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona di Salerno per tutti gli esami necessari.