Un bene confiscato per rivalutare il “fiaschello” battipagliese

Il progetto dell'associazione Arkos di Battipaglia si chiama Orto Nostro e mira a restituire alla collettività un bene confiscato alla camorra

0
222

Orto Nostro è il progetto con cui l’associazione Arkos di Battipaglia mira a restituire alla collettività un bene confiscato alla camorra con la coltivazione del “fiaschello”, un particolare tipo di pomodoro molto diffuso nella Piana del Sele.
Le operazioni di bonifica del terreno confiscato che ospiterà il progetto – concesso all’associazione dall’amministrazione comunale di Battipaglia – sono in corso. Nei giorni scorsi mezzi e volontari sono entrati in azione per riqualificare l’area e ripulirla dai rifiuti che erano stati depositati sul terreno e lungo la recinzione della proprietà, formando una vera e propria discarica a cielo aperto. Il terreno è stato anche liberato da pietre e sterpaglie, pronto per essere trasformato in un orto e accogliere principalmente le coltivazioni di Fiaschello Battipagliese, per promuoverne la diffusione e diffondere contemporaneamente il messaggio di un’alimentazione sana e genuina.
Oltre al terreno, la concessione d’uso riguarda anche un fabbricato, del quale è prevista la ristrutturazione. A regime diventerà deposito e laboratorio per la trasformazione a carattere artigianale dei prodotti coltivati, in special modo del “fiaschello” battipagliese.
L’associazione Arkos, per contribuire alla riscoperta della tradizione rurale del territorio di Battipaglia, ha intrapreso da anni un lavoro di ricerca e sperimentazione per il recupero del “fiaschello” battipagliese, un tipo di pomodoro molto diffuso a Battipaglia soprattutto negli anni Settanta. Il particolare tipo di pomodoro è stato iscritto nel 2015 nella lista dei prodotti agroalimentari tradizionali e nel 2017 nel registro nazionale delle varietà di pomodoro da conservazione da parte del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali. Effettuata, inoltre, la registrazione del marchio “Fiaschello Battipagliese” presso la CCIAA di Salerno e la realizzazione di un sito web dedicato al Fiaschello Battipagliese con notizie storiche del territorio e dettagli sul progetto, disponibile all’indirizzo www.fiaschello.it.