La residenza rurale Incartata di Calvanico

Produzione culturale e proposta politica possono camminare insieme. E il Metis Fest ne è la dimostrazione. Il Festival delle Intersezioni di Popoli e Culture si terrà a Calvanico, in provincia di Salerno, nella Valle dell’Irno, presso la Residenza rurale Incartata, nei giorni 12 e 13 luglio, secondo il programma disponibile all’indirizzo https://www.facebook.com/Metis-Fest-1784512068316195/. Il Festival propone tavoli tematici su trasporti, scuola, università, dibattiti sui temi delle nuove territorialità e dell’agricoltura, letture animate e laboratori per bambine e bambini, il mercatino del vinile, cucina di diverse tradizioni culinarie e selezioni musicali e concerti. In particolare, ai dibattiti che avranno inizio alle ore 19 parteciperanno, il giorno 12, padre Alex Zanotelli, rappresentanti del centro sprar di Ceraso, attivisti della rete Refugees welcome, e il giorno 13, attivisti del Centro sociale ex-Canapificio di Caserta insieme alla rete Fuorimercato. Ci sarà la presenza di diversi gruppi musicali e, in spazi dedicati, delle mamme Hormé per attività di laboratorio e letture animate dedicate soprattutto ai più piccoli.
Dunque, un modo di stare insieme due giorni in maniera produttiva, elaborando anche proposte al territorio. In questo senso saranno importanti anche i tavoli tematici, che permetteranno di confrontarsi su temi di rilevanza pubblica già in elaborazione all’interno del percorso di mobilitazione che sta interessando la città di Salerno con la la rete Salerno contro la legge (in)sicurezza e le altre iniziative pubbliche a sostegno dell’antirazzismo e del diritto al dissenso.
La città e il territorio di Salerno hanno bisogno di esperienze come questa, per cercare alternative ala chiusura politica e culturale e costruire insieme modi diversi di stare insieme, fare socialità, delineare politiche pubbliche inclusive.