Un morto e 16 nuovi contagi: i dati del Salernitano

Si è registrato il decesso del terzo ospite della casa di cura di Sala Consilina. A Cava risultato positivo medico di base: appello del sindaco per ricostruire la catena dei contatti. Sala Consilina chiede la proroga della zona rossa fino al 14 aprile

0
363

1 morto e 16 nuovi tamponi positivi nel Salernitano. È questo il bilancio della giornata di sabato in tema di Coronavirus.
La persona deceduta è una donna, ospite della casa di riposo di Sala Consilina in cui si sono registrati 42 contagi. Gli anziani dell’istituto Juventus, nel cuore della zona rossa del Vallo di Diano, saranno tutti trasferiti a Eboli al Campolongo Hospital. Nella casa di riposo resteranno solo gli anziani non contagiati.
16 i tamponi positivi risultati dalle analisi effettuate in giornata al Ruggi di Salerno.
In serata l’appello del sindaco di Cava de’ Tirreni, Vincenzo Servalli: tra i contagiati nella città metelliana c’è anche un medico di base, Antonio De Pisapia. Il primo cittadino ha invitato i pazienti a ricostruire la catena dei contatti del medico che attualmente è ricoverato in ospedale.

Il Vallo di Diano vuole la zona rossa. Nella giornata di ieri il sindaco di Sala Consilina, Francesco Cavallone, ha fatto sapere che chiederà la proroga della zona rossa fino al 14 aprile. «È dura, la popolazione è provata, ma è un sacrificio indispensabile» – ha detto Cavallone. Sala Consilina è uno dei cinque comuni che compongono la “zona rossa”, istituita dal governatore De Luca lo scorso 16 marzo per far fronte al dilagare del Coronavirus. La richiesta di proroga – dice Cavallone è «dura ma indispensabile per cercare di arginare al massimo il contagio e per evitare contatti con l’esterno, per non rischiare di portare il virus fuori». Secondo il sindaco “«a cosa più logica è vivere in isolamento e di continuare a farlo. L’esperienza di Codogno insegna: appena sono state allargate le maglie, hanno avuto di nuovo altri contagi. La nostra ‘zona rossà termina il 31 marzo ma mi appresto a richiedere la proroga della misura fino al 14 aprile».

Il bollettino regionale. In Campania i positivi salgono a 1752. Lo dice il bollettino dell’Unità di crisi della Regione Campania. Ecco, nei dettagli, i dati delle analisi sui tamponi: Ospedale Cotugno di Napoli esaminati 426 tamponi di cui 73 risultati positivi; Ospedale Ruggi di Salerno: esaminati 242 tamponi di cui 16 risultati positivi; Ospedale Moscati di Aversa: sono stati esaminati 25 tamponi, nessuno è risultato positivo; Ospedale Moscati di Avellino: sono stati esaminati 117 tamponi, di cui 21 risultati positivi; Ospedale San Paolo di Napoli: sono stati esaminati 63 tamponi di cui 16 risultati positivi; Azienda ospedaliera universitaria Federico II di Napoli: sono stati analizzati 67 tamponi di cui 13 risultati positivi; Ospedale Santa Maria della Pietà di Nola: sono stati esaminati 62 tamponi di cui 11 risultati positivi; Azienda ospedaliera San Pio di Benevento: sono stati esaminati 25 tamponi di cui 10 positivi; Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Mezzogiorno: sono stati esaminati 59 tamponi di cui 10 risultati positivi. Totale tamponi di ieri: 1086. Totale positivi di ieri: 170. Totale complessivo positivi: 1752. Totale complessivo tamponi: 11679.