Undici leoni ad Anfield, ottavi a un passo

Con una straordinaria prova di carattere gli azzurri strappano un pareggio nella tana dei campioni d'Europa del Liverpool. Vantaggio di Mertens, i reds riescono a segnare solo su azione d'angolo

0
222

LIVERPOOL (4-3-3): Alisson; Gomez (57′ Oxlade-Chamberlain), Lovren, Van Dijk, Robertson; Milner (78′ Alexander-Arnold), Fabinho (19′ Wijnaldum), Henderson; Salah, Firmino, Manè. A disposizione: Adrian, Lallana, Shaqiri, Origi. Allenatore: Klopp

NAPOLI (4-4-2): Meret; Maksimovic, Manolas, Koulibaly, Mario Rui; Di Lorenzo, Allan, Zielinski (85′ Younes), Fabian Rui; Mertens (80′ Elmas), Lozano (71′ Llorente). A disposizione: Ospina, Luperto, Gaetano, Callejon. Allenatore: Ancelotti

Reti: 21′ Mertens, 64′ Lovren

Ammoniti: Klopp, Robertson, Koulibaly, Allan

Il Napoli mette paura al Liverpool e torna da Anfield con un punto preziosissimo, grazie ad una gara importante ed un secondo tempo in cui ha saputo soffrire, contenendo gli attacchi dei padroni di casa. Azzurri che chiudono il primo tempo in vantaggio, grazie ad una splendida rete di Mertens, e nella ripresa si fanno riacciuffare da un colpo di testa di Lovren dagli sviluppi di un calcio d’angolo. I primi quindici minuti regalano fiammate da una parte e dall’altra, con le due difese che però riescono a contenere bene gli attacchi di entrambe le squadre. Il Liverpool al 18′ semina il panico nell’area azzurra, ma Koulibaly e Fabian Ruiz si fanno trovare pronti a chiudere su Milner che si era liberato per provare la conclusione. Intanto Fabinho non ce la fa, dopo il colpo subito e deve lasciare il campo, al suo posto entra Wijnaldum. Nel momento migliore dei Reds, il Napoli passa. Contrasto nel cerchio di centrocampo tra Mertens e Van Dijk che cade a terra cercando un fallo inesistente. Il pallone arriva nella zona di Di Lorenzo, che con un pallone in verticale innesca la velocità dell’attaccante belga. Mertens entra in area fa rimbalzare il pallone e anticipa Lovren con un diagonale chirurgico che finisce alle spalle di Alisson. Gol numero 117 per il belga con la maglia azzurra, il 236 in carriera. La reazione degli inglesi arriva al 36′ minuto e porta la firma del centrale Van Dijik. Il colpo di testa dell’olandese sul cross di Robertson è centrale, con parata facile per Meret. I Reds spingono e al 41′ creano ancora il panico in area di rigore del Napoli, questa volta sull’asse Mané – Firmino, con il brasiliano che chiude la triangolazione con il tacco. Traversone al centro di Mané, con Koulibaly che chiude anticipando Gomez tutto solo appostato sul secondo palo. Nell’ultimo dei quattro minuti di recupero Milner va via in slalom nell’area azzurra. Nessuno interviene per paura di commettere fallo e il numero sette dei Reds si ritrova solo davanti a Meret. Conclusione potente sul primo palo, con l’estremo difensore del Napoli che si oppone deviando il pallone. Si chiude qui il primo tempo, con gli azzurri che tornando negli spogliatoi in vantaggio per 1-0, grazie alla rete di Mertens. La ripresa inizia sulla falsa riga del primo tempo, con le due squadre che si affrontano a viso aperto, con continui capovolgimenti da una parte e dall’altra. Il Liverpool, però, si rende per primo pericoloso al 55′ sfiorando il gol del pari. Traversone dalla destra con Meret che da la sensazione di poter bloccare il pallone in presa alta. L’estremo difensore azzurro perde la sfera che arriva a Firmino. Conclusione di prima del brasiliano con Koulubaly che quasi sulla linea devia il pallone in corner salvando la sua porta. Klopp si gioca la carta Oxlade-Chamberlain, arretrando Henderson sulla linea dei difensori e richiamando in panchina Gomez, ed il Liverpool in un minuto si rende pericoloso in due occasioni. La prima al 61′ con Salah che calcia di prima intenzione su invito di Robertson. Pallone centrale, facile per Meret. La seconda con Firmino, che di testa da ottima posizione spreca, concludendo incredibilmente sul fondo. E’ il preludio al gol del pareggio che arriva al 65′ direttamente dagli sviluppi di un calcio d’angolo. Milner dalla bandierina pesca l’inserimento di Lovren, che si appoggia su Mertens e di testa batte Meret. Proteste del Napoli, ma il Var convalida la rete dei Reds, con Anfield che esplode di gioia. Ancelotti getta nella mischia prima Elmas al posto dello stremato Mertens e cinque minuti dopo Younes per Zielinski. Assalto finale del Liverpool che crea scompiglio in area di rigore, ma ci pensa il solito Koulubaly, questa sera sontuoso, a sbrogliare la matassa deviando il pallone in corner. Nei quattro minuti di recupero assegnati dal direttore di gara i Reds provano il forcing finale, ma il Napoli si difende bene e con le unghie e con i denti porta a casa questo pareggio prezioso, che avvicina i partenopei sempre di più alla qualificazione agli ottavi di Champions League.