Via i sacchetti di plastica. Sabato si manifesta a Pastena

Campagna di Legambiente contro i danni per la salute e contro l'invadenza delle ecomafie

0
474

Io sono legale, da Salerno riparte la sensibilizzazione all’uso delle shopper in bioplastica.
L’Italia è stato il primo paese dell’Unione Europea a mettere al bando i sacchetti di plastica con una legge innovativa approvata nel 2006 ed entrata in vigore cinque anni dopo. Una legge che ha consentito di ridurre il numero degli shopper usa e getta del 55%, ma non è ancora abbastanza. Il settore è diventato terreno d’azione anche delle ecomafie, che inquinano il mercato legale e impongono i loro prodotti in plastica tradizionale soprattutto negli esercizi commerciali al dettaglio o nei mercati rionali, con una nuova forma di pizzo. Un mercato nero che danneggia chi produce correttamente bioplastiche compostabili e disincentiva gli investimenti nel settore. Il tutto con gravi danni per l’ambiente. Il contributo di ognuno di noi è fondamentale per invertire questa tendenza. Per questo Legambiente promuove la campagna “Io sono legale”, per combattere il racket degli shopper illegali, per fornire ai cittadini tutti gli strumenti necessari per fare la cosa giusta: riconoscere i sacchetti legali biodegradabili e compostabili, contrastare l’illegalità denunciando alle autorità competenti i sacchetti per la spesa di plastica ancora in circolazione.
La campagna ha coinvolto più di mille studenti campani, che hanno partecipato a un percorso di formazione in classe e hanno visitato lo stabilimento di ReMaPlast di Sarno, dove le shopper in Mater-Bi vengono prodotte. Inoltre, sono stati realizzati degli info point nei maggiori mercati di Salerno, Benevento, Avellino e Napoli. E a Natale si ricomincia, partendo proprio da Salerno. Appuntamento per il prossimo 15 dicembre al mercato coperto di Pastena.
Cosa posso fare io: per fare la spesa preferisci le sporte riutilizzabili; se non hai la sporta riutilizzabile richiedi sacchetti compostabili legali e denuncia l’illegalità ai vigili urbani; riusa i sacchetti biodegradabili e compostabili per la raccolta differenziata dell’umido organico.