Violenze sui genitori, arrestato un nocerino

Un venticinquenne originario di Nocera Inferiore ha colpito il padre con uno sgabello di legno fino a fargli perdere i sensi e malmenato la madre. Il giovane, tossicodipendente, è stato arrestato dalla Polizia, giunta nell'abitazione su segnalazione di una violenta lite in famiglia

0
295

Ha colpito il padre con uno sgabello e ha malmenato la madre. Per questo motivo un tossicodipendente di 25 anni è stato arrestato a Nocera Inferiore con l’accusa di violenze, minacce ed estorsioni nei confronti della propri genitori.
Gli agenti della Polizia di Nocera sono intervenuti questa mattina a Nocera Inferiore per una violenta lite in famiglia: giunti nel luogo della segnalazione, gli agenti hanno trovato un uomo di 57 anni privo di sensi e riverso sul pavimento dell’abitazione. Dopo aver prestato soccorso all’uomo, i poliziotti hanno scoperto che il figlio lo aveva aggredito e colpito con uno sgabello di legno per poi scagliarsi contro la madre e malmenarla.
Il 25enne nocerino, dopo l’arrivo della Polizia, si è barricato in una stanza dell’appartamento per sottrarsi all’arresto. Dopo una lunga ed estenuante trattativa, si è consegnato agli agenti del commissariato che lo hanno arrestato per lesioni aggravate e maltrattamenti in famiglia.
Il giovane ha precedenti per rissa, evasione, estorsione, lesioni personali, resistenza e oltraggio a pubblico ufficiale: era già noto alle forze dell’ordine, e già destinatario della misura di sicurezza del ricovero in una Rems (residenza per l’esecuzione delle misure di sicurezza) disposta dal gip del Tribunale di Nocera Inferiore a seguito di condanna penale per estorsione. Con l’arresto odierno si è conclusa una triste e lunga storia di violenza in famiglia. Il 25enne era stato più volte denunciato dagli uomini della Polizia di Stato per una lunga serie di atti di violenza e maltrattamenti commessi nei confronti dei propri genitori per estorcere loro il denaro necessario a procurarsi sostanze stupefacenti. Dalla data della sua ultima scarcerazione avvenuta l’11 aprile 2019, l’uomo era stato già denunciato tre volte per estorsione ai danni del padre e della madre. Il giovane è stato rinchiuso nel carcere di Salerno a disposizione della procura della Repubblica di Nocera Inferiore.
I genitori sono stati curati al locale pronto soccorso e giudicati guaribili in pochi giorni per contusioni varie. Gli agenti del commissariato hanno anche richiesto alla autorità giudiziaria l’emissione di un aggravamento della misura del ricovero in REMS e hanno proposto al questore di Salerno l’adozione della misura della Sorveglianza Speciale.